P1110189

Ieri a #Genova

Alla fine c’era anche Bianca, tra le centinaia di persone venute a sentire la presentazione del libro. No, non c’era D’Alema, era a sentire “La Taranta”. Tra il pubblico però c’era Pietro Grasso (io non l’avevo visto), che alla fine è venuto a farmi i complimenti (nel pomeriggio aveva citato proprio le ultime parole di Enrico a Padova). Pare che prima sia venuto a cercarmi anche Civati, ha affidato i suoi saluti a dalla Chiesa.

La cosa più bella? E’ che benché tentino in tutti i modi di offuscarne la luminosità dell’esempio, Enrico Berlinguer è ancora vivo, vegeto e le sue idee guidano ancora tantissima gente. E se così è, forse qualcuno qualche domanda dovrebbe porsela.

La prossima presentazione del libro sarà a Firenze, con Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, e Chiara Valentini, autrice di una delle più belle biografie su Enrico Berlinguer (quella della scintilla, che ha scatenato indirettamente tutto ciò). Quella a Roma con Veltroni, invece, l’abbiamo rimandata per metà ottobre, ma avrete maggiori dettagli su tutte a tempo debito.